Resta in contatto

Roma Femminile

Bartoli: “Quando la Roma mi chiamò per dirmi che volevano fossi il capitano ero felicissima”

“Con gli anni sono cresciuta, essere capitano della Roma mi ha fatto veramente crescere tanto”

La Roma ha organizzato delle call di gruppo tra le nostre calciatrici e le squadre del settore giovanile della Roma Femminile. La prima ad intervenire è stata il capitano Elisa Bartoli.

A livello morale questa situazione ti ha aiutato o no?

“Guarda, io quando sono tornata dalla Nazionale ero un po’ esaurita, la prima settimana penso che mi abbia fatto bene stare staccare un po’. Poi ho avuto anche la sfortuna di entrare in quarantena, quindi 15 giorni senza uscire, neanche per fare la spesa. Però con il tempo ho trovato altre cose, ho ritrovato la passione del disegno, era da 9 anni che non toccavo più la matita e mi sono messa a disegnare. Ho cominciato anche a suonare un po’ la chitarra, mi sono detta “Già che ci sono, ho tempo…”. Ho coltivato quelle piccole passioni per le quali prima non avevo tempo e quelle piccole cose che con il calcio non riuscivo a fare, tra Nazionale, partite, trasferte”.

Com’è stata l’esperienza del Mondiale? Era il primo?

“Il mio primo Mondiale, sì. Ricordo ancora la prima partita, io stavo in panchina. Era Italia-Australia e mi sono detta: “Se dovessi entrare spacco tutto. Entro e spacco tutto, non mi interessa chi ho davanti, non passano. Può essere anche la più forte del mondo, non mi frega niente”. Infatti poi sono entrata e ho dato tutto quello che avevo. Dall’1-0 al 2-1 è stata una cosa spettacolare. Penso che sia la partita che mi è rimasta più impressa in tutto il mondiale. Al Mondiale mi sono rivista un po’ più in De Rossi con tutte quelle scivolate che ho fatto, devo essere sincera, infatti ci siamo un po’ scritti”.

Quanto conta per te essere capitano della squadra che tifi?

“Inizialmente, quando la Roma mi chiamò per dirmi che volevano fossi il capitano ero felicissima, però mi sono fatta un sacco di problemi, non sapevo se potevo essere all’altezza di questo ruolo che comunque porta tanta responsabilità. Poi io avevo un carattere abbastanza esplosivo, perciò mi sono detta magari non sono adatta, non sono una persona molto calma, pacata, che ragiona. Con gli anni sono cresciuta, essere capitano della Roma mi ha fatto veramente crescere tanto. Ho scoperto una realtà bellissima, sono felicissima di questo e sicuramente è una grande responsabilità, ma che porto con tranquillità perché accanto ho persone che mi aiutano, mi supportano e fanno uscire il positivo e quello che c’è di buono, quindi sono tranquilla”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile