Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 31 maggio 2009: la Roma batte il Torino in rimonta (VIDEO)

I giallorossi chiudono il campionato conquistando i 3 punti allo stadio Olimpico. Dopo il vantaggio granata arrivano i gol di Menez, Vucinic e Totti

Il 31 maggio del 2009 la Roma chiudeva la stagione, e la prima avventura di Luciano Spalletti sulla panchina giallorossa, battendo in casa il Torino di Camolese. La partita non si mette bene, dato che al 9′ minuto i padroni di casa sono costretti alla rincorsa, dato il vantaggio del Torino grazie al gol fortunoso di Vailatti. Al 35′ Menez riporta il risultato in parità, grazie ad uno straordinario sinistro a giro dalla distanza, sul quale Sereni non può nulla.

Nella ripresa il risultato resta in bilico fino al minuto 74, quando la Roma, finalmente, trova il gol del vantaggio: sulla sinistra, Vucinic si libera di due avversari e, una volta entrato in area, infila la palla all’angolino opposto della porta granata. Il Torino non molla, provando a rendersi pericoloso a più riprese, e in una di queste per poco non trova il gol del 2-2, se non fosse per la traversa che salva il risultato giallorosso.

Al 83′ arriva invece l’azione che aumenta il bottino giallorosso: Totti, servito da Vucinic, vede l’inserimento in area di Marco Cassetti. Il terzino viene atterrato da dietro da Franceschini. Damato non ha dubbi: cartellino rosso e calcio di rigore. Dal dischetto parte Francesco Totti che, per la 178′ volta, gonfia la rete a favore della Roma. Nel finale, al 88′, arriva il secondo gol del Toro, firmato da Ventola. Fortunatamente per i granata non ci sarà tempo per provare l’assalto al pareggio, permettendo così alla Roma di vincere l’ultima partita della stagione.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord