Resta in contatto

Calciomercato

Schick: “Voglio restare al Lipsia. I tifosi non hanno ancora visto tutto quello che posso dare”

L’attaccante ceco: “La squadra, il modo in cui giochiamo, l’allenatore e la città sono perfetti per me e mi sono adattato benissimo”

Patrik Schick vuole restare al Lipsia e non perde occasione per ricordarlo. L’attaccante ceco in Germania ha parlato del suo futuro, ancora in bilico tra Germania e Italia, in un’intervista a Sport Buzzer:

“Non sono la persona giusta con cui parlarne, sono i due club a dover trovare un accordo. Ma ho detto più volte che mi piacerebbe rimanere a Lipsia. La squadra, il modo in cui giochiamo, l’allenatore e la città sono perfetti per me e mi sono adattato benissimo”. La palla adesso parla alle società: la Roma ha tutte le intenzioni di cederlo a titolo definitivo ma senza concedere uno sconto troppo grande rispetto ai 29 milioni di euro previsti dall’accordo della scorsa estate in caso di qualificazione in Champions dei tedeschi. A maggior ragione se davvero arriverà l’ok definitivo alla cessione di Timo Werner al Chelsea per 55 milioni. Soldi freschi che farebbero comodo alla società per il riscatto dell’attaccante ceco. Che però non dimentica i momenti belli vissuti a Roma: “La partita più bella della mia carriera è stata sicuramente quella contro il Barcellona. Abbiamo perso 4-1 all’andata e vinto 3-0 al ritorno. Una serata magica che spero di rivivere in carriera”.

Schick in Bundesliga ha segnato 9 gol in 18 partite, a cui ha aggiunto anche due assist: “Sono soddisfatto, ma posso fare sempre di più. Ho avuto all’inizio l’infortunio alla caviglia che mi ha condizionato, ma sono andato avanti. I tifosi non hanno ancora visto il miglior Schick, ma sto lavorando ogni giorno per far sì che succeda il prima possibile. Prima dello stop ero in ottime condizioni, ora dobbiamo riabituarci. Certo senza i tifosi è un’altra cosa, non c’è neanche bisogno che lo dica”.

Oggi alle 15.30 la partita contro il Paderborn, squadra contro cui è arrivato il suo primo gol in Germania: “È stato un momento speciale, per la prima volta giocavo dall’inizio. Quando sei in un nuovo club vuoi dimostrare immediatamente cosa sai fare, a me ci è voluto un po’ di più a causa dell’infortunio. Ora però vogliamo la qualificazione in Champions e per farlo serviranno qualità e mentalità”. Anche la Roma fa il tifo per lui.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato