Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

De Sisti: “Con i suoi gol Prati agevolò il mio ritorno alla Roma”

Le parole dell’ex giallorosso

Giancarlo De Sisti, ex calciatore della Roma, è intervenuto a TMW News, per ricordare Pierino Prati, suo compagno alla Roma, scomparso il 22 giugno:

È stata una notizia tristissima, Pierino Prati è sempre stato un campione silenzioso, tutto ciò che ha fatto lo ha fatto con pieno merito. Al Milan ha fatto una carriera meravigliosa, aveva una squadra di primo livello e soprattutto aveva accanto un signorino come Rivera che gli forniva a getto continuo palloni importanti, assist… Credo che se fossero invitanti al massimo per essere depositate a rete. Pierino poi calciava di destro e sinistro, al Milan ha ottenuto grande gloria.

Poi è venuto alla Roma, l’ho trovato dopo un brutto momento personale: ricordo con dispiacere, ma non ho nessun rimpianto, che la mia carriera a Firenze, la prima parte da calciatore, si concluse con la delusione di aver impattato in un allenatore prevenuto nei miei confronti (Luigi Radice, ndr), e lui stesso me lo testimoniò alla fine della stagione quando dissi a lui e al Presidente Ugolini che volevo andarmene, ero stato trattato da ultimo della classe, non lo meritavo.

A Roma Prati, con i suoi 14 gol, ha agevolato il mio rientro, che è stato sereno, feci pure il gol al derby. Pierino fece anche un anno a Firenze, Ugolini mi chiese informazioni su di lui, e gli dissi che stava in calo ma aveva sempre il gran fiuto del gol: ha toccato con grande piacere l’avventura milanista, li si è fatto un nome, poi è sceso nel mondo del piacere toccando Roma e Fiorentina, le migliori squadre di allora. Mi si stringe il cuore quando mi soffermo a pensare alla dipartita di questo bravo amico“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News