Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fonseca: “Siamo molto motivati e vogliamo vincere. Vedremo domani chi giocherà al posto di Pellegrini”

Parla il tecnico giallorosso: “Sarà una partita difficile, contro una squadra sempre forte in casa”

La Roma si prepara ad affrontare il Torino in trasferta nella penultima partita del campionato in corso e Paulo Fonseca ha parlato al sito ufficiale del club delle condizioni della squadra in vista della sfida contro i granata. Ecco le parole del tecnico giallorosso…

La gara contro la Fiorentina è stata molto dispendiosa, avete spinto fino all’ultimo per cercare il gol del 2-1, come stanno i ragazzi?

“I ragazzi sono motivati, sono un po’ stanchi, è vero, ma per noi è una partita importante e mentalmente ci arriveremo molto bene: quando si vince si lavora nel miglior modo”.

Dovrà fare a meno di Pellegrini, come sta Lorenzo?

“Ha subito un intervento e nei prossimi giorni non potrà allenarsi con la squadra: vedremo come recupererà”.

Chi giocherà al posto suo dietro alla punta?

“Vedremo domani, ho un dubbio da sciogliere: capirò dopo l’allenamento di rifinitura”.

C’è anche l’occasione anche per far riposare qualcun altro o farà pochi cambi come accaduto nelle ultime gare?

“Non penso, la partita è importante e non voglio fare grandi cambiamenti”.

Il Torino è salvo e ha un allenatore diverso rispetto alla sfida dell’andata, quali sono le inside per la Roma che vuole blindare il quinto posto?

“Sarà una partita difficile, contro una squadra sempre forte in casa. Per loro non ci saranno pressioni e anche per questo non sarà semplice, loro sono molto forti difensivamente, ma noi siamo molto motivati e vogliamo vincere”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra