Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Closing e nuovo CdA. Nasce la Roma di Dan

Sta per iniziare l’era Friedkin al comando della Roma

Sincronizzate gli orologi: tra pochi giorni, in pochi giorni, si fa la Roma. Ieri la società ha confermato in un comunicato, mentre il titolo che andava a picco in Borsa, la data ufficiale del passaggio di proprietà da Pallotta a Friedkin: le firme sono previste per il 17 agosto (a Londra). Eventuali slittamenti potrebbero rinviare il closing fino a un massimo di due settimane, quindi a fine mese, per motivi non dipendenti dalle parti. Ma non ci saranno sorprese. E anzi, la nota che delinea diritti e doveri parasociali tra venditore e acquirente specifica che entro cinque giorni lavorativi dalla firma Friedkin convocherà l’assemblea degli azionisti per la nomina del nuovo Consiglio d’amministrazione e del collegio sindacale.

Contestualmente al closing, Guido Fienga rassegnerà le dimissioni da Ceo della Roma. E’ previsto nello statuto del club. Ma questo non significa che il suo lavoro sia finito. Fienga, che ha il contratto in scadenza il 31 ottobre, dovrebbe riavere le deleghe dal nuovo proprietario e guidare la Roma nel breve periodo, accogliendo Ryan Friedkin all’interno della società, naturalmente relazionandosi agli altri consiglieri che il Gruppo vorrà inserire nel CdA. Fienga è destinato a gestire la transizione, visto che il piano industriale da lui costruito era stato concordato proprio con Friedkin nello scorso autunno. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa