Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’assist di Sirigu e Maksimovic

Il portiere in rotta con il Torino, il serbo non rinnoverà col Napoli

La Roma deve capitalizzare dalle uscite, ma fino a questo momento ce ne sono state poche. Tra i portieri c’è Olsen che è uno di quelli in partenza. Se non si trovasse una sistemazione per questi giocatori prima di settembre allora si allenerebbero con la prima squadra. Ci saranno anche Florenzi, Karsdorp e Antonucci. Inizialmente non ci sarà Schick che ha concluso da pochi giorni la stagione col Lipsia: con lui la Roma conta di ricavare più di 20 milioni.

Altri pezzi pregiati per eventuali plsuvalenze sono Kluivert e Under. Sul primo c’è la Juventus che ha chiesto informazioni anche su Florenzi. Sul turco continua il pressing del Napoli con cui, oltre Milik, si parla di Maksimovic. Nei ragionamenti di Fienga e De Laurentiis sono usciti anche i nomi di Fazio e Kluivert che non rientrano nei piani di Gattuso. Intanto il difensore serbo non rinnoverà il suo contratto con i partenopei ed è scontento di non aver trovato tanto spazio.

In porta la Roma vorrebbe cambiare, ma Pau Lopez non si sente in bilico. Era stato fortemente voluto da Petrachi, ma il rendimento dello spagnolo, soprattutto dopo il lockdown, è stato negativo. La sua cessione, comunque, segnerebbe una inevitabile minusvalenza che la Roma non può permettersi. Il portiere che piace di più è Sirigu che è in rotta col Torino nonostante le smentite di Cairo. Lo scrive il Correre dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa