Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Assalto finale a Smalling. Fienga, pressing United

Il centrale inglese rimane il primo obiettivo di mercato della Roma

Nelle intenzioni della Roma e di Smalling questa potrebbe essere la settimana giusta per ritrovarsi. Il club giallorosso vuole spingere sull’acceleratore perchè il difensore resta una precisa richiesta di Fonseca e a Trigoria non vorrebbero andare troppo per le lunghe. La Roma è pronta ad un’offerta di 17 milioni che, sommati ai 3 dello scorso anno, farebbe arrivare la cifra a 20. I capitolini vorrebbero offrire 3 milioni per il prestito ed altri 14 per l’obbligo di riscatto legato a delle condizioni molto semplici. Smalling, pur non volendo rompere con il Manchester per una questione di rispetto per chi l’ha lanciato nel grande calcio, ha fatto capire come quella di Roma sia la destinazione preferita.

E’ pronto, inoltre, a limare qualcosa sul suo stipendio. A Trigoria lo aspettano tutti a braccia aperte e chissà che anche dalla conferma, o dal ritorno, di giocatori importanti non dipendano le idee di alcuni leader come Dzeko. Il bosniaco farebbe carte false per riaverlo in squadra, come lui Mancini e, soprattutto, Ibanez. L’ex atalantino ha imparato molto da Smalling e la sua presenza per la difesa a tre è preziosa. Comunque la Roma non può farsi trovare impreparata ed ecco che gli altri nomi sono quelli di Maksimovic, Sokratis e Rugani sullo sfondo. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa