Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Quattro capitani in 4 stagioni. Dzeko via, l’ansia dei tifosi

Il bosniaco sembra vicino a salutare il giallorosso

Momento chiave della trattativa tra Roma e Juventus per il trasferimento di Edin Dzeko. E i tifosi stanno a guardare, in larga parte increduli, in attesa di capire le reali intenzioni della nuova proprietà. Il basso profilo tenuto dal club giallorosso lascia un po’ sorpresi e storditi quanti immaginavano un impatto più evidente sulla nuova realtà dei Friedkin. Il presidente ha invece lasciato tutto nelle mani del plenipotenziario Fienga, impegnato a lavorare a Londra su questioni tecnico-finanziarie, quali il lancio dell’Opa e l’aumento di capitale. E così, nello stordimento generale, per alleggerire il bilancio, lasciando al centravanti la possibilità di vincere qualcosa anche in Italia prima del termine della sua carriera, Edin Dzeko potrebbe essere il quarto capitano a lasciare la Roma (in arrivo Milik dal Napoli, nome che non scalda la piazza).

Prima Totti – nel 2017 come giocatore, un anno fa come dirigente – poi De Rossi, nel 2019, passando per il saluto a Florenzi, lo scorso gennaio, fino ad arrivare appunto alla possibile separazione dal bosniaco. Inevitabile che i 35 anni, e i 7,5 milioni netti a stagione, impongano delle riflessioni ai vertici del club di Trigoria, ma il segnale dato alla piazza inevitabilmente farebbe discutere. Che la Roma non possa fare grandi investimenti, e che debba sfoltire una rosa carica di esuberi, è noto, ma l’aspettativa comune è che almeno non si tocchino i punti fermi. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa