Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo ci ripensa, Dzeko vede Fienga

Settimana chiave per il futuro del bosniaco

Zaniolo guarda al futuro non tralasciando il presente. Due crociati (il destro a gennaio, il sinistro ora) a 21 anni non sono cosa da poco. Per questo motivo la scelta a chi affidarsi diventa decisiva. Scartata l’ipotesi di volare negli Usa, il nazionale azzurro quasi certamente si opererà in Austria, presso la clinica Hochrum di Innsbruck dal professor Christian Fink che si è occupato recentemente della ricostruzione del legamento crociato anteriore di Chiellini e Demiral. Dan Friedkin ha suggerito una clinica a Saint Moritz, in Svizzera, dove esercita il professor Albauer, ma alla fine ha prevalso l’opzione austriaca. L’operazione è fissata entro lunedì, il conto alla rovescia è iniziato.

Ieri Zaniolo ha assistito in televisione all’amichevole della squadra a Frosinone, dove era assente Edin Dzeko. Nelle ultime ore il bosniaco si è sottoposto al tampone, mentre oggi incontrerà il Ceo Fienga e farà il punto della situazione. La Roma ha un accordo con la Juventus per la sua cessione a 15 milioni. Cinque verrebbero utilizzati per liquidare il Basaksehir che ha una percentuale del 20% sulla vendita di Under. Gli altri 10 sarebbero girati al Napoli, oltre al cartellino del turco (valutato 25), per arrivare a Milik. Il club azzurro però non sembra più convinto di inserire Cengiz nell’affare, chiedendo a Fienga 35 milioni cash. A queste condizioni l’affare è da escludere. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa