Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Di Livio: “La Roma è coperta nel ruolo di Zaniolo”

“Carles Perez, Mkhitaryan, Pedro, Perotti, Pellegrini, la Roma è coperta”

Angelo Di Livio, cresciuto nel vivaio della Roma, con la quale ha giocato un anno in prima squadra, ex allenatore e osservatore, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito all’infortunio di Zaniolo e i suoi possibili sostituti. Queste le sue parole a La Gazzetta dello Sport:

Chi è secondo lei il sostituto ideale di Zaniolo?

Intanto c’è da dire che l’infortunio di Zaniolo è stato davvero una circostanza molto sfortunata. In quel ruolo però Fonseca è abbasta coperto, i trequartisti ci sono. C’è Carles Perez, mancino come Zaniolo, ci sono Mkhitaryan e Pedro da una parte, c’è Perotti e c’è Pellegrini che può giocare anche in quella posizione, da una parte e dall’altra. Quando sta bene potrebbe esserci anche Pastore. Non credo che la Roma abbia problemi in quel ruolo.

Quindi lei non tornerebbe sul mercato?

No, ruoterei i giocatori a seconda delle partite. Spenderei i soldi in altri ruoli.

Darebbe ancora fiducia ad Under, un altro mancino come Zaniolo?

Under è uscito dalla Roma un anno fa e non si capisce perché: ha qualità, io farei decidere Fonseca. Se lui lo tenesse di nuovo, potrebbe rimanere, è un giocatore di qualità. Altrimenti la società dovrebbe venderlo, fare cassa e investire in giocatori più funzionali. E’ innegabile che l’infortunio di Zaniolo sia stata una circostanza davvero sfortunata. Ma con lucidità, ragionando, si vede come la Roma sia coperta in quel ruolo. Ha giocatori giovani ma anche esperti, non andrei a cercare altro.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa