Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tra Ladispoli e Campo de’ Fiori: la città segreta dei Friedkin

I nuovi proprietari cercano casa in centro

Che fossero dei manager abituati più ai fatti che alle chiacchiere sei era capito, ma vederli all’opera da vicino rende con più efficacia l’idea di quale sia il loro modo di lavorare. Nessuna conferenza per Dan e Ryan Friedkin, ma ore passate a Trigoria e negli uffici di viale Tolstoj. Ufficialmente sono sbarcati giovedì, ma sembra che Ryan fosse a Roma già da qualche giorno prima. Stanno cercando casa in centro, zona Campo de’ Fiori, ma per il loro primo soggiorno hanno scelto un lussuosissimo albergo a Ladispoli. Per l’occasione hanno affittato tutta la struttura al costo di 20mila euro a notte.

La base scelta poi è stata cambiata in modo da rendere la loro posizione ancor più centrale: il Cavalieri Hilton. I Friedkin amano giocare a tennis, sport che hanno praticato, indossando i pantaloncini della Roma, anche nella villa di Ladispoli. Poca vita mondana, molta riservatezza e uscite strablindate. Per il mercato si è concentrati sulla difesa il nome nuovo è quello di Izzo. Il ragazzo sarebbe felicissimo di vestire la maglia della Roma e aspetta che i club trovino un accordo. E’ stato offerto poi Biraghi che potrebbe rientrare in uno scambio con Spinazzola, ma Fonseca vuole un esterno destro. Piace Faraoni. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa