Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Fienga: “Friedkin? Vogliamo costruire un progetto stabile che ogni anno si migliori” (VIDEO)

Fienga: “Friedkin qui per far crescere la Roma”

Alle ore 17 sul canale televisivo Roma TV, 213 del bouquet di Sky, sui canali social Facebook, Twitter e Youtube del Club, su Roma Radio e sul portale Tiscali.it, ci saranno Guido Fienga (Ceo AS Roma) e Renato Soru (Amministratore Delegato Tiscali) hanno risposto alle domande dei giornalisti. Le loro risposte:

Per Fienga: Quanto è importante avere un premium partner così importante?

“Molto, la Roma p una società che ha sempre fatto dell’innovazione tecnologia un fattore per la crescita. Tiscali è sempre stato un modello: Tiscali ha inventato l’internet per tutti, un modello che all’epoca è stata un’invenzione per il panorama mondiale. Noi vogliamo rendere accessibili i nostri prodotti: non è solo un partner ma una fonte di ispirazione”.

Per Soru: Cosa pensa dell’accordo?
“Siamo onorati di questo accordo, collaborare con la Roma in un momento di cambiamento con un investitore così prestigioso, capace di garantire un progetto. La Roma ha già dato prova di saper intraprendere una strada di innovazione, lo stesso percorso che stiamo facendo noi, e siamo orgogliosi che abbia scelto di lavorare con noi”.

Per Fienga: Come procede la connessione con i Friedkin?
“Bene. Il cambiamento è avvenuto tra due campionati in cui è passato poco tempo. Stiamo lavorando duramente, abbiamo avuto l’aumento di capitale. Stiamo lavorando tanto e in maniera congiunta”.

Per Soru: La collaborazione è stata fatta in vista dello Stadio?
“No si tratta di una cosa molto più semplice”.

Per Fienga: Il nuovo accordo
“La nuova proprietà è entrata per dare nuovo impulso alla società. Siamo molto contenti di avere Tiscali come partner e faremo grandi cose”.

Per Soru: Ci sono novità per i tifosi?
“Cercheremo di proporre prodotti attrattivi per i tifosi, sia i nuovi che quelli storici”.

Per Fienga: Come cambia il mercato con i Friedkin?
“Non è la sede id parlare di mercato. Continueremo con la linea degli scorsi anni”.

Per Soru: Chi sceglierebbe come testimonial?
“Credo Zaniolo, riuscirà a dimostrare di essere molto forte nonostante i problemi, si rialzerà”.

Per Soru: Perché avete scelto di sponsorizzare la Roma?
“Abbiamo approfittato volentieri della possibilità di sponsorizzare la Roma. Oggi siamo in un mondo in cui internet sta diventando estremamente importante, vogliamo mostrare che siamo un partner in gardo di garantire un ottimo servizio a una società come la Roma. Siamo un’azienda consumer, i tifosi della Roma sono in grande parte italiano, ci fa piacere associarci a una tifoseria così importante”.

Per Fienga: Ci sono novità sul prossimo sponsor tecnico?
“Stiamo valutando tante alternative, siamo ottimisti per il prossimo accordo”.

Per Soru: Come si risolve il problema degli stadi italiani?
“Occorre favorire e migliorare il processo che porta ogni squadra ad avere un proprio stadio. Bisogna fare un’esperienza per i tifosi che possano essere accolti dall’ingresso alla partita”.

Per Fienga: Come cambieranno i diritti televisivi?
“Dalla Roma potete sempre aspettarvi il massimo impegno per massimizzare i diritti. La Roma è sempre in prima linea per vendere il prodotto all’estero e renderlo migliore in Italia. Siamo davanti a un cambiamento, col Covid può aumentare il pubblico da casa. La Roma accoglie ogni possibilità per assicurare una crescita nei prossimi anni”.

Per Fienga: Che messaggio vuole lasciare ai tifosi?
“Di sostenere la squadra in maniera sana, stare accanto ai giocatori: così finiremo il campionato con qualche sorriso in più”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News