Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, fuori anche Mancini

Il centrale giallorosso positivo al Covid19

La Roma perde i pezzi, anche Mancini è costretto a fermarsi a causa del Covid. Il difensore non aveva partecipato alla trasferta di Berna perché squalificato e giovedì all’esame del tampone è risultato positivo. Il giocatore dovrà restare in quarantena dieci giorni, salterà di sicuro le partite contro Milan e Fiorentina di campionato. Fonseca perde un altro difensore, con Smalling che non potrà giocare a Milano, alle prese con la distorsione al ginocchio. Prima di Mancini si sono fermati in seguito al contagio anche Mirante, Carles Perez, Bruno Peres, Kluivert, Calafiori, Diawara. C’è massima attenzione a Trigoria, anche per i dieci casi al settore femminile e uno nella radio ufficiale della società.

I giocatori della prima squadra, rientrati ieri mattina, sono stati sottoposti ai tamponi, che sono risultati negativi. Senza Smalling, che anche ieri si è allenato a parte e non gioca una partita ufficiale da quasi due mesi, il tecnico avrà una difesa rimaneggiata e dovrà probabilmente confermare la difesa a quattro che aveva mandato in campo contro il Benevento, con Kumbulla e Ibanez al centro, con il ritorno di Santon a destra e tutti i i titolari che erano in panchina in Svizzera. A Milano dunque spazio ai due giovani che stanno crescendo. Kumbulla a vent’anni ha esordito in Nazionale e nel debutto in Europa League ha fatto gol. Roger Ibanez è stato convocato ieri dalla Selezione Olimpica Brasiliana per le due partite in Arabia Saudita. Il difensore si è meritato la convocazione e il suo percorso di crescita non è passato inosservato nel suo Paese. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa