Resta in contatto

Rassegna Stampa

I club e Dal Pino preoccupati per la credibilità del sistema

Il caos Lazio preoccupa la Serie A

Oggi è forte il risentimenti del club nei confronti della Lazio, la cui anomalia potrebbe ripetersi senza l’adozione di misure concrete. Le positività accertate dall’Uefa, negate dal laboratorio laziale di Avellino e di nuovo registrare dal Synlab (centro a cui si appoggia l’organo del calcio internazionale) hanno aperto un caso clamoroso. Immobile (sulle cui analisi è nato il contrasto) ha giocato e segnato domenica scorsa contro il Torino. Si è creata una difformità che mina la credibilità dell’intero sistema. La questione sarà affrontata oggi in Consiglio di Lega (in un secondo momento potrà essere portata in assemblea): il presidente Paolo Dal Pino segue da vicino e condivide la preoccupazione della maggioranza dei club per gli sviluppi della vicenda Lazio.

La Serie A, ancora prima della ripartenza di giugno, aveva rinunciato all’identificazione di una struttura unica che potesse centralizzare le informazioni e uniformare i risultati: un’idea che oggi tornerà d’attualità e che verrà riproposta. Le società per effettuare i tamponi si sono appoggiate a strutture consigliate dalle autorità sanitarie locali, mentre la Lazio è andata ad un laboratorio fuori regione, ad Avellino. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa