Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Pinto di vista: “Modernizzare la Roma, Serie A imprevedibile”

Il nuovo general manager si prepara ad entrare a a far parte della grande famiglia giallorossa: “Il mio compito sarà modernizzare il settore sportivo”

“Con i Friedkin ci siamo parlati e abbiamo la stessa idea di lavoro”. Da ieri Tiago Pinto è ufficialmente il nuovo general manager della Roma e nelle prossime ore, forse già oggi, sarà nella Capitale per immergersi nel suo nuovo ruolo. Il portoghese, con un’intervista ai canali ufficiali della sua ex società, ha voluto salutare il Benfica ma è già proiettato sul suo futuro in giallorosso. “Quando arriverò capirò il lavoro da fare e la struttura nella quale sono arrivato. Mi hanno cercato per quello che ho fatto al Benfica, il mio compito alla Roma sarà modernizzare il settore sportivo”.

In questi mesi ha potuto studiare il campionato italiano. “La Serie A è imprevedibile come lo sono ormai tutti i più grandi campionati d’Europa, le big stanno soffrendo per la mancanza di pubblico. La cosa più importante è creare una mentalità vincente, giocare partita per partita e poi raggiungere gli obiettivi prefissati”. Sarebbe arrivato qualche giorno prima, se non avesse dovuto affrontare il Covid. “È stato difficile, soprattutto perché coincideva con due date speciali: volevo essere presente con la squadra e a Natale speravo di stare con la mia famiglia”. Lo riporta Il Corriere della Sera. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa