Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma spietata con le piccole deve iniziare a pensare in grande

I giallorossi passeggiano con il Crotone, ora arriva l’Inter

Il 3-1 al Crotone conferma che la Roma è da corsa per la zona Champions League. Fin qui ha vinto 10 delle 11 partite giocate contro squadre meno attrezzate di lei: l’unica eccezione è lo 0-0 a Verona alla prima giornata, poi diventato 0-3 a tavolino per il caso Diawara che la società giallorossa spera di ribaltare in appello. Una continuità di rendimento che vale il terzo posto in classifica.

La Roma è invece mancata, finora, nei big match: pareggi contro Juventus, Milan e Sassuolo, secche sconfitte contro Napoli e Atalanta. Il calendario delle prossime due giornate dice: Inter e Lazio, prima della chiusura del girone di andata contro lo Spezia, sempre all’Olimpico.

La sfida contro i nerazzurri vale, in caso di vittoria dei giallorossi, l’aggancio al secondo posto. Il derby è il derby e non richiede spiegazioni. Anche il cauto Fonseca sente che è arrivato il momento decisivo: «Contano i tre punti, è importante vincere tutte le partite a prescindere dall’avversario. L’Inter è una bellissima squadra, sarà una partita diversa ma vogliamo vincerla». In quel caso sarà difficile tenere a bada l’entusiasmo di una città che incomincia a sognare.

Da Crotone sono arrivate risposte importanti riguardo al turnover e alla competitività di tutta la squadra, riserve comprese. Fonseca ha risparmiato Dzeko, Veretout e Lorenzo Pellegrini, più l’infortunato Pedro, e i sostituti hanno giocato bene (Cristante) o addirittura benissimo (Mayoral, doppietta e rigore procurato per il 3-0). Come era già successo a Bologna, ai giallorossi è bastata mezzora per chiudere la partita. Il satanasso della squadra resta Henrikh Mkhitaryan, arrivato a 8 gol e 7 assist in campionato. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa