Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Profondo rosso Roma: fa sei sostituzioni, lo Spezia ringrazia

Notte da dimenticare all’Olimpico

Come in un déjà-vu, la Roma saluta la Coppa Italia per mano dello Spezia. Ma la partita della Roma non è finita finita al 120′. È finita dopo 5 minuti del primo tempo supplementare, quando Paulo Fonseca, per far fronte alla doppia espulsione di Mancini e Pau Lopez nel giro di 90 secondi, ha effettuato anche la sesta sostituzione.

Peccato che il regolamento della Coppa Italia parli chiaro: i cambi a disposizione sono cinque, non uno in più. Una gaffe incredibile, inspiegabile. Che non cambierà la storia della qualificazione, visto che l’ex romanista Daniele Verde aveva segnato il gol qualificazione. E che replica l’altra gaffe, altrettanto assurda: quella dell’impiego di Amadou Diawara, un giocatore fuori lista, alla prima di campionato.

Quello di ieri, innocuo dal punto di vista del risultato, getta però un’ombra di pressappochismo sull’atteggiamento dello staff del club giallorosso. E stavolta non ci sarà nemmeno un dirigente in uscita a cui dare la colpa. E pensare che Lorenzo Pellegrini aveva anche provato a convincere Fonseca a non farlo: “Mister, guardi che è il sesto…”, aveva detto. “Si può fare“, gli avevano risposto dalla panchina, lasciandolo di sasso. Già quando capito il caso Diawara, Dan e Ryan Friedkin avevano perso la calma. Questa rischia di essere la goccia che fa traboccare il vaso. Anche perché mai come stavolta la responsabilità è della panchina.
Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa