Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mayoral resta al centro dell’attacco. E’ il suo momento: vuole il record di gol

Lo spagnolo vuole continuare a segnare

Al momento della sfida d’andata, il 19 settembre, lui era a San Sebastian, dove il giorno dopo il suo Real Madrid avrebbe pareggiato per 0-0 in casa della Real Sociedad. Con la Roma vuole inaugurare un girone di ritorno che potrebbe vederlo come protagonista assoluto. Lo spagnolo vuol finire nel migliore dei modi un mese di gennaio in cui ha segnato già 4 volte (doppiette a Crotone e Spezia). Il suo momento del resto, con Dzeko ancora in naftalina lo spagnolo deve approfittarne per sfruttare al massimo ogni piccola, grande occasione. Per prendersi la scena.

Di lui ha parlato anche Fonseca in conferenza: “Sono soddisfatto del suo rendimento, Borja sta lavorando bene per la squadra. Non dimentichiamoci che anche lui è giovane, è arrivato in Italia solo adesso ed è difficile con queste condizioni avere questi numeri. È sicuramente in un buon momento”. Buon momento che Borja vuole allungare con la sfida di questa sera, magari segnando almeno un gol, magari — chissà — anche decisivo. Dovesse succedere, infatti, Mayoral eguaglierebbe il suo record di reti stagionali (9) in prima squadra, raggiunto nella scorsa stagione di Liga con la maglia del Levante. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa