Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Burdisso: “Alla Roma cinque anni magici. Totti aveva la giocata in testa prima degli altri”

“De Rossi-Maradona è stato davvero un bell’incontro”

Ai microfoni di 90min.com è intervenuto Nicolas Burdisso. L’ex difensore della Roma si è soffermato su diversi argomenti: dall’esperienza in maglia giallorossa, all’aver giocato con Francesco Totti e Daniele De Rossi fino ad arrivare al futuro. Di seguito le sue parole.

Sull’avventura con la Roma.

A Roma sono arrivato a 28 anni, perché avevo il desiderio di affermarmi come difensore centrale. La Roma mi cercò non solo per le mie caratteristiche difensive, ma anche per la mia personalità. Sono stati 5 anni magici. Il primo anno giocavamo benissimo e siamo stati gli unici a dar filo da torcere all’Inter del Triplete. Peccato per la gara contro la Sampdoria, ancora oggi non riesco a darmi una spiegazione. Sarebbe stato un successo storico e per me avrebbe avuto un sapore ancora più dolce, visto che ero arrivato in estate proprio dall’Inter.

Su Francesco Totti.

Totti aveva la giocata in testa due secondi prima degli altri. Basava i movimenti e le decisioni in base a situazioni che aveva già risolto prima che gli arrivasse il pallone.

L’incontro tra De Rossi e Maradona?

È stato un incontro tra due persone che avevano espresso il desiderio di conoscersi. L’iniziativa è stata di Diego che aveva espresso il desiderio di poter incontrare Daniele, e io conoscendo Diego e avendo un rapporto speciale con lui, mi sono offerto di accompagnarlo. È stato davvero un bell’incontro, ma credo sia normale quando i protagonisti hanno una grande personalità. Diego stava bene, e ha raccontato a Daniele moltissimi aneddoti sul suo periodo trascorso in Italia.

Sui progetti futuri.

Sento che prima o poi avrò la possibilità di lavorare nel calcio italiano, perché mi piace, lo conosco e penso di avere credibilità. Ci sono alcuni aspetti del calcio italiano che si possono migliorare e mi piacerebbe avere l’opportunità di farlo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News