Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La rincorsa di Elsha

Le parole del Faraone in conferenza stampa

“Il momento è delicato, ma ho trovato uno spogliatoio sereno”. Sembrano parole dette ieri, in realtà sono quelle che Stephan El Shaarawy pronunciò il 28 gennaio 2016, quando venne presentato a Trigoria la prima volta. Lui darà il massimo anche se, rispetto a cinque anni fa, è fisicamente meno pronto: all’epoca fu buttato subito nella mischia, visto che veniva dal Monaco, adesso avrà bisogno di qualche giorno in più perché non gioca da novembre e, con il club, non vede il campo dallo scorso agosto.

Contro la Juventus può giocare al massimo un piccolo spezzone. Oggi come allora, El Shaarawy definisce sereno il clima a Trigoria e certo nelle ultime ore è così. L’ex Milan, d’altronde, sa bene come a volte si possano perdere le staffe negli spogliatoi, vedi la discussione con Dzeko avuta a Ferrara anni fa: “Sono cose che nascono e muoiono lì. Edin è un giocatore di grandissima personalità, troverà da solo la strada per tornare importante”. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa