Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Un anno alle spalle da dimenticare: Diawara vuole riprendersi la Roma

Il centrocampista giallorosso vuole tornare protagonista

In questa finestra di mercato aveva ricevuto una decina di offerte di prestito per ritrovare continuità, campo e sicurezza, ma Amadou Diawara ha deciso di rifiutarle tutte convinto di poter ancora dire la sua con la maglia della Roma. Adesso è considerato poco da Fonseca, che lo vede la quinta scelta per il centrocampo dietro a Veretout, Villar, Pellegrini e Cristante. Nei primi mesi le cose sono andate anche bene, ma poi un anno fa l’avventura del ragazzo in giallorosso ha preso una piega diversa.

La lesione del menisco riportata nella gara contro la Juventus è stata la causa dei suoi problemi. Quando tutto sembrava essere passato, il Coronavirus lo ha fermato nuovamente. Il suo stop di cinque mesi ha compromesso anche il suo rientro in campo e quando ha giocato non sembrava incidere come faceva nel primo periodo. Poi la questione legata all‘errore commesso dal club sulla lista dei giocatori per la gara contro il Verona ha aggravato il tutto. Per di più il caso aperto dal procuratore che apriva alla cessione non ha aiutato. Diawara, nonostante le tante offerte ricevute, ha deciso di rimanere a Trigoria. Il giocatore aspetta il suo momento per rientrare nelle rotazioni perché gode di una grande stima tra lo staff tecnico e i dirigenti, compreso Tiago Pinto. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa