Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il “debutto” di Scalera: fra romanità e solidarietà

Prima apparizione ufficiale per il nuovo dirigente giallorosso

Assistendo alla prima uscita di Stefano Scalera come nuovo “Head of Government Affairs” della Roma, viene in mente il filo rosso che collega la Politica – quella con la maiuscola – al tifo per i colori giallorossi. È bello che il nuovo dirigente del club, fresco di provenienza dal Ministero di Economia e Finanza – dove fino al termine dello scorso ha ricoperto il prestigioso ruolo di vice capo di gabinetto – abbia “esordito” coniugando in un unico punto la romanità e la solidarietà.

Così, nella sede del I Municipio, Scalera è stato tra i presentatori di una iniziativa contro lo spreco alimentare nell’ambito delle celebrazioni per i 150 anni di Roma Capitale. E se la squadra sabato contro la Juventus scenderà in campo mostrando questa scritta (“Roma Capitale 1871-2021), la società lo farà ogni giorno, mobilitandosi per chi ha bisogno e anche per l’ambiente.

“Celebrare i 150 anni di Roma Capitale è naturale per un club da sempre legato a doppio filo con la sua città. Grazie all’attività di Roma Cares e alle sue campagne di impatto sociale, la connessione spontanea con il territorio si è trasformata in un impegno costante. Stavolta siamo orgogliosi di presentare una “patch” celebrativa di questa tappa storica della Capitale, che applicheremo sulla maglia che indosseremo sabato, e di poter dare il via, con una riflessione sullo spreco alimentare, ad una nuova serie di iniziative dedicate alla città“, ha spiegato Scalera. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa