Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fonseca: “Abbiamo fatto bene per quasi tutta la partita. Siamo stati coraggiosi”

Le parole del tecnico

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, ha parlato a Sky Sport dopo la sconfitta con la Juve:

Fino al gol di Ronaldo stava facendo meglio la Roma. Sul piano del palleggio ha fatto vedere qualcosa in più ma poi poca incisività sotto porta.
“Penso che non abbiamo fatto bene solo all’inizio, ma quasi tutta la partita. Non possiamo dimenticare che abbiamo affrontato la Juventus, loro si sono difesi bene. I numeri sono i numeri ma ha vinto la partita la squadra che ha fatto gol. Noi abbiamo avuto più tiri, più corner, più palla, ma vince la partita la squadra che fa gol”.

Si è sentito il peso di avere un attaccante? Ronaldo l’ha messa dentro alla prima occasione, voi non avete avuto un attaccante in grado di concretizzare.
“È quello che io voglio valutare nella prestazione della squadra. Abbiamo avuto il coraggio di arrivare qui e fare il nostro gioco, dopo abbiamo affrontato la Juve che ha difeso vicino all’area, con molti uomini ed è stato difficile. Abbiamo sbagliato nelle ultime decisioni perché per il resto la squadra ha fatto bene”.

Come ha trovato Dzeko?
“Tutti i giocatori hanno giocato bene”.

Ha avuto la tentazione di inserire Dzeko insieme a Mayoral?
“No, la squadra non è preparata per giocare così. Non avevamo bisogno di farlo”.

La difesa poteva far meglio sul primo gol di Ronaldo?
“Ronaldo è il migliore del mondo, fa sempre la differenza come oggi. Non abbiamo sbagliato noi”.

Si aspettava che la Juve avesse un atteggiamento difensivo di questo tipo?
“No, penso che la Juve ha cercato di metterci pressione ma la nostra prima fase di costruzione non gliel’ha permesso. Si sono abbassati e hanno fatto bene”.

Potendo rigiocare, metterebbe Dzeko dal 1′?
“Dzeko era pronto, non ha giocato per una mia scelta. Mayoral sta giocando bene, oggi ha lavorato per la squadra”.

Quando la Roma riusciva ad arrivare in parità numerica, volevate ad essere un po’ troppo sicuri nel passaggio. Avreste potuto azzardare.
“Non abbiamo avuto molte situazioni in cui la difesa avversaria non era a posto. Abbiamo sbagliato nelle ultime decisioni, è vero. Abbiamo avuto tante occasioni per essere concreti”.

Con quale consapevolezza la Roma esce dal campo oggi?
“Le vittorie morali nel calcio non ci sono. Sono orgoglioso della squadra, dev’essere felice. Abbiamo dimostrato grande fiducia, aver giocato così mi dà fiducia per il futuro”.

49 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

49 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra