Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Resa allo Stadium, Fonseca deluso: “Vince chi fa gol”

I giallorossi si arrendono davanti al cinismo di Ronaldo

La Roma non ce la fa ad uscire indenne dallo Stadium e viene superata in classifica dalla Juventus. Una sconfitta che conferma i limiti della squadra di Fonseca negli scontri diretti, un gruppo che costruisce molto ma fa fatica a finalizzare. “Ha vinto chi ha fatto più gol -il rammarico di Fonseca- noi abbiamo fatto più tiri, tenuto palla, ma non è stato sufficiente. Abbiamo sbagliato tanti cross, l’ultimo passaggio, la finalizzazione. Io sono orgoglioso dei miei giocatori, abbiamo avuto il coraggio di fare il nostro gioco in casa Juve“.

Il tecnico non nasconde l’amarezza per gli errori dei suoi, forse intimoriti da Ronaldo, e non capaci di sfruttare l’atteggiamento difensivo della Juve. “Non sono i bianconeri ad essersi difesi, ma siamo stati noi a permettergli di pressarci, tornando indietro non metterei Dzeko dall’inizio: lui era pronto, ma la sua esclusione è stata una mia scelta perché Mayoral sta facendo bene“. Quella di ieri è la nona sconfitta di Fonseca su diciannove contro le big, sette i pareggi e tre le vittorie. “Ma la Juve ha fatto solo tre tiri e due gol, mentre noi 14 e nemmeno una rete”. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa