Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Testa a testa Dazn-Sky per la Serie A: domani le buste

Domani il giorno della verità in tema diritti tv

Si apre una settimana decisiva per il futuro della Lega. Domani i club dovranno esaminare le offerte al rialzo di Sky e Dazn per i diritti domestici della serie A, triennio 2021-2024. Giovedì, invece, in una nuova assemblea, saranno chiamati a esprimersi sull’ingresso dei fondi come soci di minoranza della media company.

Domani i presidenti, che avevano fissato la soglia minima di 1 miliardo e 150 milioni come base d’asta, potrebbero assegnare i diritti della serie A, contesi in un infuocato testa a testa fra Dazn (in vantaggio) e Sky. Fra le due proposte la differenza economica è di 100 milioni, ma non saranno solo gli introiti garantiti dai broadcaster a determinare la scelta dei club: peseranno qualità di trasmissione, diffusione capillare del segnale, l’abitudine dei consumatori.

Dazn dopo essersi imposta nel mercato tedesco mira a diventare un punto di riferimento anche in Italia. Nella busta consegnata corre per il pacchetto misto: 840 milioni per i 7 match in esclusiva e 3 in coabitazione su Internet. Se a questa cifra si aggiungono i 70 milioni proposti da Sky per i pacchetti non in esclusiva si raggiungono 910 milioni, cifra di poco inferiore ai 973 garantiti ora ogni anno dalle tv. Sky non può avere l’esclusiva sul web e mette sul piatto 750 milioni per garantirsi sette partite sul satellite. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa