Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko, si può dare di più: la Roma lo aspetta al top

Serve il bosniaco per raggiungere la Champions

C’è un assioma che nessuno ha intenzione di discutere a Trigoria: con Dzeko la Roma è più forte. Corollario: senza Dzeko la Roma ha meno possibilità di arrivare all’obiettivo, cioè alla prossima Champions League. La classifica si è complicata dopo la sconfitta con la Juventus ma nulla è compromesso, Fonseca è ancora quarto, i margini per coltivare l’ambizione rimangono ampi. E la mezz’ora che Dzeko ha giocato allo Stadium spiega chiaramente quale sia la principale missione del club e dello staff tecnico: riportare il capitano, ad oggi ex, ad un rendimento tale che possa garantire un plusvalore alla squadra.

Senza nulla togliere a Mayoral, a 35 anni da compiere tra poco più di un mese Dzeko è ancora di un’altra categoria. Purché si senta adeguatamente motivato e valorizzato e recuperi la sua centralità all’interno dello spogliatoio. Dzeko conta di dare il suo contributo alla squadra, già nelle prossime partite, come ha fatto in questi anni. Negli ultimi giorni con i comportamenti ha dimostrato disponibilità. Anche il saluto caloroso (quasi un abbraccio) con il tecnico a fine partita va visto in questa ottica. Dzeko ha capito di aver sbagliato, vuole cancellare questa brutta storia. E sa che il modo migliore per farlo è sul campo. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa