Resta in contatto

News

Serie A, Lukaku regala il primo posto all’Inter. Lazio battuta 3-1

I nerazzurri vincono grazie ad un super Lukaku, e si prendono la vetta della classifica sorpassando il Milan

L’Inter di Antonio Conte è la nuova capolista del campionato. Nel posticipo del 22° turno i nerazurri battono 3-1 la Lazio e operano il sorpasso sul Milan, sin qui sempre in testa. Vittoria decisa da una doppietta di Lukaku nel corso del primo tempo, e dal gol di Lautaro su assist dello stesso Lukaku. In mezzo il gol del 2-1 dei biancocelesti firmato Escalante, che devia fortunosamente in porta una punizione di Milinkovic Savic.

L’Inter si prende la testa della classifica a quota 50 punti, approfittando del passo falso del Milan sul campo dello Spezia nell’anticipo di ieri. E nel prossimo turno si sfideranno proprio Inter e Milan, in un derby di Milano dal forte sapore di scudetto. La Lazio di Inzaghi si ferma dopo 6 successi di fila, e fallisce l’aggancio alla Roma al terzo posto.

INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi (91′ D’Ambrosio), Barella, Brozovic, Eriksen (72′ Gagliardini), Perisic (91′ Darmian); Lukaku (91′ Pinamonti), Lautaro Martinez (78′ Sanchez). All. Conte

LAZIO (3-5-2): Reina; Patric, Hoedt (46′ Parolo), Acerbi; Lazzari, Milinkovic-Savic, Leiva (46′ Escalante), Luis Alberto (78′ Pereira), Marusic; Correa (70′ Caicedo), Immobile (70′ Muriqi). All. S. Inzaghi

Marcatori: 22′ rig. e 46′ Lukaku , 61′ Escalante , 64′ Lautaro Martinez

Ammoniti: Hoedt , Lukaku , Hakimi

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News