Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Gravina sulla Serie A: “Persi 200 milioni nella scorsa stagione. Quest’anno mancati ricavi per 400 milioni”

Gravina

La pandemia ha causato gravi perdite economiche anche nel mondo del calcio.

Intervento esclusivo del presidente della Figc, Gabriele Gravina, sul think tank ‘Riparte l’Italia’, osservatorio economico e sociale, in merito alle perdite finanziarie dei club per via della pandemia di Covid-19.

Evidenzia gli effetti negativi che la pandemia ha portato sul piano economico nel mondo del calcio: “La perdita economica per la stagione 2019-2020 che abbiamo stimato è stata, per le sole squadre di Serie A, di oltre 200 milioni di euro”.

I numeri del presente non lasciano tranquilli: “Per la stagione in corso, invece, la stima sui minori ricavi, pari a 400 milioni di euro per le squadre di Serie A, si somma alla più grave chiusura dei campionati delle leghe dilettantistiche e giovanili, che non hanno potuto riprendere l’attività se non per un breve periodo all’inizio dell’annata sportiva”.

Conclude il numero uno della federazione: “Oggi quelle paure che ci portavano a riflettere sul futuro del settore non sono svanite ma è con fiducia che guardiamo ai progressi di questi mesi e auspichiamo un ritorno, quanto prima, alla normalità che conosciamo e che si traduce in benessere e passione, ciò che lega a questo sport milioni di appassionati e migliaia di imprese a tutti i livelli”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa