Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca: “Più forti delle assenze ma così è dura”

Il tecnico soddisfatto ma preoccupato dalle assenze

Spirito di sacrificio e di adattamento, ottime capacità di superare le difficoltà impreviste. Nell’andare a compilare il proprio curriculum vitae la Roma deve necessariamente evidenziare la partita d’andata con lo Sporting Braga, una sfida affrontata in partenza con gli ultimi uomini rimasti in difesa e che ha portato in corso d’opera ad altri due infortuni che non hanno però intaccato l’idea e lo stile di gioco trasmesso al gruppo da Fonseca.

“È stata una dimostrazione di spirito di squadra, trovare soluzioni così non è facile. È stato difficile ma i difensori hanno giocato molto bene e non abbiamo subito gol. Le qualità del Braga non ci hanno sorpreso, ma non gli abbiamo mai lasciato occasioni da rete. Il campo era molto, molto pesante. Vincere 2-0 in trasferta è un passo importante, ma dobbiamo stare molto attenti, non vogliamo farci sorprendere in casa”, il commento a caldo del portoghese.

In vista della sfida con il Benevento l’allenatore romanista si è poi detto “molto preoccupato” per le assenze in difesa, ma la nota lieta è arrivata dai gol dei due centravanti: “Dzeko ha giocato bene, Mayoral è entrato bene. Tutti hanno fatto bene. Farli giocare insieme? Vediamo, la squadra sta giocando bene così. Stiamo lavorando per essere più forti contro le grandi squadre”.

A 634 giorni dall’ultima presenza in maglia giallorossa ieri il tecnico ha riproposto El Shaarawy, che ha fatto il suo esordio nella seconda avventura nella Capitale dopo diversi giorni di rodaggio: «Finalmente è arrivata la prima presenza, sono contento di essere tornato e di aver giocato. Le sensazioni sono positive, c’è stata una vittoria, quindi tutto è bello. Abbiamo fatto una partita di sacrificio, ci sono tanti giocatori di qualità che stanno dimostrando di essere da grande squadra, spero anche io di dare il mio contributo».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa