Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Julio Baptista: “Fiero di aver giocato al fianco di Totti. A Roma ricordi bellissimi”

Il brasiliano alla Roma dal 2008 al 2011 ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla sua esperienza in giallorosso

Julio Baptista, ricordato a Roma soprattutto per il gol che decise un derby e per la rovesciata all’ultimo minuto che regalò una vittoria ai giallorossi sul campo del Torino, ha parlato della sua avventura nella capitale e dell’aver giocato insieme a Francesco Totti. Queste le sue parole a Tuttomercatoweb:

Non solo il Real, tra le sue tante esperienze in carriera i tifosi italiani ricordano ovviamente anche quella con la Roma. Che ricordo ha dei suoi tre anni nella capitale (2008-2011)?
“Ho ricordi bellissimi della mia avventura alla Roma. Giocare in Serie A è stata un’esperienza incredibile, sono cresciuto molto sia come uomo che come calciatore. La fotografia più bella che mi porto dietro? Il gol nel derby con la Lazio, ho ancora i brividi se ci ripenso… Già soltanto con quella rete, di testa su assist di Totti, sono entrato nel cuore dei tifosi giallorossi”.

Capitan Totti è il calciatore che più ha segnato il suo percorso in Serie A?
“Assolutamente sì. Totti a Roma era, è e sarà sempre una vera e propria Eminenza. Sono fiero di aver giocato al suo fianco”.

La Roma di oggi può tornare a vincere un trofeo, magari l’Europa League?
“Queste competizioni vengono decise dai dettagli, ma la Roma è partita bene nel doppio confronto valido per i sedicesimi di finale col Braga. Parliamo d’altronde di una grande squadra, che quest’anno ha sicuramente tutte le carte in regola per vincere l’Europa League dal mio punto di vista”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News