Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Rolando: “Dobbiamo cercare di fare meglio di quanto abbiamo fatto in casa”

Il difensore del club portoghese: “Giocare all’Olimpico? E’ uno stadio iconico e bellissimo, e mi piacerebbe che fosse con il pubblico”

Il difensore del Braga, Rolando, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Roma. Queste le sue parole riportate da O Jogo:

Sulla partita…
Veniamo da un risultato negativo contro di loro, quindi la cosa più importante non è tanto quello che faranno o possono fare loro, ma dobbiamo cercare di fare meglio di quanto abbiamo fatto in casa.

Sulle opportunità…
È importante che, con l’esperienza che ho, mi faccia trovare preparato quando arriva l’opportunità di giocare per cercare di dare il massimo e aiutare la squadra in ogni modo possibile. Anche quando non sono in campo, so di essere un giocatore importante. Anche per questo sono stato acquistato, per trasmettere ai più giovani ciò che ho imparato nel calcio. I miei colleghi hanno risposto, la squadra sta andando molto bene. I miei compagni stanno rispondendo bene, abbiamo molte opzioni. Il mister prende le decisioni e quando la squadra ha bisogno di me, cerco di rendermi utile. È il mio modo di ringraziare e dimostrare che sono contento di far parte di questo gruppo.

Giocare senza pubblico può aiutare il Braga?
Se l’assenza del pubblico ci può aiutare ad ottenere un buon risultato sono pronto a metterci la firma, ma ovviamente il calcio è fatto per i tifosi. È un gioco, un business, ma è divertente e spesso è la fuga dallo stress del giorno, è uno spettacolo. Senza pubblico, ovviamente è diverso. Avremmo preferito giocare in uno stadio pieno. Ho avuto la fortuna di giocare in questo stadio affollato, mi sento triste perché i miei compagni non si godranno quell’esperienza. È uno stadio iconico e bellissimo, e mi piacerebbe che fosse con il pubblico. Per quanto riguarda il risultato, dobbiamo andare avanti. Con il pubblico o senza pubblico, dobbiamo dare il massimo e alla fine vedremo cosa riusciamo ad ottenere.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News