Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

A Braga si è rivisto il faro Diawara: stasera Amadou cerca conferme

Il guineano cerca spazio

La continua assocazione con una situazione negativa (il pasticcio di Verona) ha finito per nuocere all’immagine di Amadou Diawara. Da quell’episodio non ne è andata bene una. Fino alla partita d’andata contro il Braga. Si è riproposto in regia con dinamismo, l’intelligenza e l’abilità di tessitore che lo scorso anno ne hano fatto un punto di forza. Oggi Diawara avrà un’altra occasione e giocherà insieme a Villar. Proprio la crescita verticale dello spagnolo ha contribuito a mettere il guineano ai margini. Entrambi sono in perenne movimento, organizzatori di gioco, nati per occupare la fascia centrale del campo. Il che li rende alternativi.

Il 22 gennaio del 2020 contro la Juventus, Diawara riportà una trauma distorsivo al ginocchio. Nel dilemma tra intervento e terapia conservativa si scelsa la seconda via, ma proprio mentre si parlava di rientro la stagione venne interrotta dalla pandemia. Alla ripresa è stato titolare, ma non brillanti come prima. All’alba di questa stagione, poi, la tegola psicologica di Verona. Poi è arrivato anche il Covid che l’ha fermato e allontanato sempre di più dai radar di Fonseca: Risultato? Soltanto 163 minuti giocati in campionato, mai da titolare. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa