Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pallotta non ci sta: “Hanno rovinato un grande progetto”

L’ex presidente giallorosso non ci sta

L’Olimpico, ma anche Campo Testaccio, il Flaminio e il Motovelodromo Appio. Da sempre la storia della Roma è stata anche la storia degli impianti in cui la squadra è scesa in campo.

Dino Viola sognava di costruirlo alla Magliana: “È una prova d’amore verso la città“, le parole del presidente del secondo scudetto nel 1987. La storia poi è nota, tra politica che si mette di traverso e schermaglie con le istituzioni. Franco Sensi aveva lo stesso obiettivo, ma fu sua figlia Rosella a provarci con un progetto tanto affascinante nelle intenzioni quanto fumoso: era il settembre del 2009, ma l’iter non partì mai.

È partito eccome, invece, il percorso voluto da Pallotta: tutto è iniziato nel 2012 quando a capo c’era Mark Pannes, poi sostituito da Baldissoni. Ieri lo stop dei Friedkin, che hanno spiegato la loro decisione, non apprezzata da Pallotta: “Mi sento malissimo per la Roma e la città di Roma, avremmo investito più di 200 milioni in infrastrutture. Pochi stupidi hanno rovinato un grande progetto“. A chi si riferisse James Pallotta non è però chiaro.

Ora si ricomincia da capo, con una certezza: la gente, i tifosi, saranno considerati come tali e non come clienti. Era quello che volevano Viola e Sensi ed era quello che si respirava al mitico Campo Testaccio o nell’anno del Flaminio, con gli spalti attaccati al campo. Perché a Roma lo stadio ha sempre rappresentato una sorta di luogo dell’anima. A Dan e Ryan Friedkin il compito di coniugare questo con modernità ed efficienza. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa