Resta in contatto

Rassegna Stampa

Era il match da non perdere

La sconfitta contro il Milan apre alla riflessioni, la Roma non riesce a diventare grande

Se c’era un big match che si doveva se non vincere almeno non perdere, è stato questo Roma-Milan. Perché l’avversario arrivava ferito dopo un derby perso 0-3 e un turno di Europa League che aveva incrinato fiducia e piegato le gambe. Perché durante la gara il Milan ha perso per infortunio Ibra e Rebic. Perché la Roma veniva da un inciampo – Benevento – ma da due partite vinte in scioltezza contro il Braga e certe spinte vanno assecondate.

Ma il Milan ha giocato meglio. E la Roma, come troppo spesso le accade con le squadre forti, non è parsa all’altezza. Spaurita, mai in cattedra, senza dare un segnale di superiorità per tutti i 90 minuti. La Champions è ancora alla portata. Ma adesso è il momento di dirlo: se la Roma, nonostante un cammino che ha visto zoppicare o affondare rivali quotate, non riuscirà a centrare il quarto posto, la crescita che pure ci è parsa di intravedere in tante partite sarà poco più di un effetto ottico. E non è questione di colpe, ma di limiti. Caratteriali, tecnici, agonistici. Della squadra, certo, ma anche dell’allenatore. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Grande Principe. Anche se alcuni ignoranti non hanno capito sei stato un grande capitano"

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Magara!!!!"

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Grande uomo, grande calciatore, spero veramente di conoscerlo un giorno per ringraziarlo. Grazie di tutto capitano 💛❤️"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Nostalgia assoluta per quello che ha fatto per la società, per la squadra ed anche, per me soprattutto, per noi tifosi, ci ha insegnato molto. Non..."

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Agostino DIBBBA il capitano di quando ero bambino..il primo capitano che ho visto allo stadio !!forse per questo ho un ricordo speciale!!!assurdo come..."
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa