Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Fiorentina, Prandelli: “Non meritavamo la sconfitta ma dobbiamo prendere ciò che c’è di buono”

Ecco il commento del tecnico viola Prandelli

Cesare Prandelli ha commentato ai microfoni di Sky la partita tra la sua Fiorentina e la Roma. Ecco le parole del coach viola:

Un ricordo di Astori?
“Era un persona che ha sempre dimostrato grande serietà, un leader silenzioso e una persona straordinaria”.

Cosa non funziona nella fiorentina?
“Abbiamo preso il gol per un millimetro e non meritavamo di perdere. Non meritavamo di perdere ma giocavamo con una squadra piena di talento. Questa è la terza partita che perdiamo giocando bene e senza meritarlo. Non dobbiamo piangerci addosso, ma prendiamo ciò che c’è di buono da questa prestazione”

Deluso da Kokorin?
“No, deve abituarsi ancora ai ritmi del calcio italiano”

Ribery ha chiesto il cambio?
“No, l’ho tolto io e lui inizialmente voleva rimanere in campo ma poi ha capito la mia scelta dato che rientrava da un infortunio”

I giocatori sono troppo discontinui?
“L’argomento è lungo. Ora devo cercare di tirare fuori il meglio dai giocatori, metterli bene in campo. Sono ottimista, questa squadra può dare di più. Dobbiamo prima lottare, poi pensare alla qualità. i giocatori devono prima lottare da operai, poi mettere qualità”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News