Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Ilary Blasi: “Francesco inizialmente non accettava l’idea di smettere”

Ilary ha parlato dell’addio al calcio del suo Francesco

Con un intervista su Grazia, Ilary Blasi ha parlato dell’ultimo anno e mezzo di carriera del suo Francesco spiegando il clima che c’era in quel periodo a casa Totti, ecco uno stralcio delle sue parole:

Sul cognome
“Ho sempre tenuto il mio, mi piace. Ilary Totti suona male, ma in realtà il mio cognome non lo usa mai nessuno. Se parlano di noi sui giornali mica scrivono Totti e Blasi, sempre Totti e Ilary”.

Sul Covid e la scomparsa di Enzo Totti
“Non siamo gli unici ad aver avuto un lutto in famiglia in questa pandemia. Non si è mai pronti alla morte di un genitore, eppure è un fatto naturale, che dobbiamo imparare ad accettare. La modalità di questa malattia rende tutto doppiamente doloroso. È un buco nero, non puoi dare un saluto o una carezza. Solo chi ci è passato può capire. Francesco sa che avere avuto accanto suo padre per una lunga vita è stata una benedizione”.

Sull’addio alla Roma di Totti
“È sereno e incuriosito dalla nuova avventura con la società di scouting. Non è stato facile per lui, rinunciare all’odore del campo e a quell’adrenalina pazzesca è stato durissimo. Però è un passaggio naturale che va affrontato. C’è chi ci arriva stanco, non ha più voglia e per queste persone è più facile. Non è stato il caso di Francesco, che all’inizio non accettava l’idea di smettere. Abbiamo avuto un anno e mezzo di transizione complesso. Ora ha azzerato tutto ed è ripartito alla grande”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News