Resta in contatto

Roma Femminile

Serturini: “Siamo una squadra forte e di qualità”

Le parole di Serturini sulla sfida di Coppa Italia tra la Roma e la Juventus

Domani si gioca la semifinale di Coppa Italia che vedrà fronteggiarsi Roma e Juventus femminile.

Anna Maria Serturini ha parlato ai microfoni di Tuttosport.it sulla sfida contro la squadra torinese. Di seguito le sue parole:

Portare a casa la Coppa

Inutile negarlo, in campionato l’obiettivo è quello di lottare per portare a casa il maggior numero di risultati utili e chiudere con la miglior classifica, come abbiamo dimostrato con il filotto di 4 vittorie pre Verona. Proprio per questo la Coppa diventa a maggior ragione il nostro obiettivo, che possiamo provare ad avvicinare sabato sfruttando un momento molto positivo per noi.

La Partita di domani

Partiamo da questo: la partita comincia sullo 0-0 e finché la palla ce l’abbiamo noi, loro non possono segnare. Stiamo lavorando sui dettagli, ma anche sull’atteggiamento, siamo una squadra forte e di qualità, questa consapevolezza deve permetterci di entrare in campo con tranquillità. In più avremo la spinta di chi sta vivendo un momento molto positivo, senza dimenticare che il nostro è sicuramente un gruppo più inesperto rispetto a quello avversario: se riusciamo a tradurre in coraggio e un po’ di sfrontatezza questa caratteristica, potrebbe rivelarsi un altro punto di forza.

Il Futuro in Nazionale e l’Europeo Inglese

Mi piacerebbe tantissimo, ma sono molto scaramantica e sono abituata a vivere partita dopo partita. Quindi aspetterò quel momento lavorando al massimo, ma in maniera molto serena. Proprio come in vista della gara di domani.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile