Resta in contatto

Rassegna Stampa

Le punizioni di Pellegrini e gli specialisti scomparsi

SOS punizioni nella Roma

Si erano abituati bene con Totti, Pjanic e Kolarov. Ora i romanisti hanno perso ogni speranza quando l’arbitro fischia un calcio di punizione nei pressi dell’area. Nessuno segna più e chi ci sta provando con maggiore insistenza da inizio stagione, Lorenzo Pellegrini, non ci avvicina neppure.

Idem i compagni. Nella sua carriera divisa tra Roma, Sassuolo, Under 21 e nazionale maggiore Pellegrini ha calciato verso la porta 35 punizioni da varie angolazioni e distanze: quasi la metà, 14 sono finite sulla barriera, 6 volte il portiere ha parato il tiro, 3 volte la palla è finita a lato, 8 sopra la traversa, altre 3 è stata respinta in area. Gol? Uno, in Sassuolo-Rapid Vienna ma con deviazione della barriera. Nel corso dell’attuale stagione ci ha provato 13 volte e solo in due occasioni c’è stata una parata, facile, del portiere. Le altre tutte respinte o finite fuori dallo specchio.

Non sono, insomma, numeri di uno specialista. Ma non lo sono neppure quelli di Veretout, che ha segnato una sola volta alla Lazio su 20 tentativi in carriera, di cui 7 con la Roma. Pedro? I dati Wyscout ne riportano appena 3. E non ha fatto meglio Mkhitaryan, che alla Roma ha calciato una sola punizione e ne ha provate altre 11 segnando solo un gol in nazionale. Lo scrive “Il Tempo”.

17 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa