Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 20 marzo 2010: la Roma asfalta l’Udinese grazie a una tripletta di Vucinic (VIDEO)

La Roma di Claudio Ranieri vince una partita fondamentale per rimanere in scia dell’Inter, prima in classifica. Toni apre le marcature, poi è Vucinic show

Il 20 marzo del 2010 la Roma batteva l’Udinese per 4-2: la partita, decisiva per la lotta al vertice della classifica, parte bene per i giallorossi, che al 16′ trovano il gol del vantaggio grazie ad una splendida rete di Luca Toni. Pochi minuti dopo, al 24′ arriva anche il raddoppio della Roma: Vucinic mette in porta un magnifico destro a giro, che potrebbe virtualmente chiudere la partita.

L’Udinese però non demorde e al 39′ riapre il match con il gol di Di Natale su calcio di rigore. Nel secondo tempo i friulani cercano il gol del pareggio, che arriva al 62′ grazie alla doppietta del capitano bianconero.

Il 67′ è il minuto della svolta: Menez viene messo a terra in area da Isla, per l’arbitro Pierpaoli non ci sono dubbi, calcio di rigore. Sul punto di battuta va Vucinic, che spiazza Handanovic riportando i giallorossi in vantaggio. La partita del montenegrino però non è ancora finita: al 83′ arriva infatti il gol del definitivo 4-2, il terzo della giornata per Vucinic. Cross in area di Menez per Toni che non controlla, la palla carambola sui piedi del numero 9 giallorosso che non si lascia sfuggire l’occasione. La Roma vince, accorciando le distanze dall’Inter, ora a soli 4 punti.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord