Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Sassuolo-Roma 2-2: ora è a rischio l’Europa. Le pagelle di Mimmo Ferretti

Una Roma svogliata vede allontanarsi sempre più la zona Champions

PAU LOPEZ 6,5

Determinante, dopo una manciata di secondi, quando mura in uscita bassa la conclusione da due passi di Djuricic. Bravo su Raspadori prima della rete di Traore. Non va male, ma becca lo stesso due reti. Come era accaduto contro Napoli e Parma.

KARSDORP  6

Rick arretra e in avvio va a fare il centrale di destra della difesa a tre. Lo fa per poco o in maniera non convenzionale perché la Roma si sistema in fretta a 4 dietro. Lui non sbanda quasi mai, anche con questo modulo.

CRISTANTE  4,5

Recuperato in extremis, e con un paio di allenamenti veri nelle gambe, Bryan si piazza al centro della difesa. Sbanda quando la squadra difende a 3, un po’ meglio (poco…) con la linea a 4. Ma difende malissimo nell’azione che porta alla rete di Raspadori.

MANCINI  6+

Stavolta sta sul centro sinistra, ma quando Fonseca ordina la difesa a 4 va al fianco di Cristante. E va meglio. Dietro dà l’idea di sicurezza,  lui sì.

BRUNO PERES 5,5

Alla fine, più per via delle assenze che per meriti propri, il brasiliano trova un’altra maglia da titolare, in questo caso a destra. Prima fa il quinto, poi il quarto. Difenda malissimo, si salva da un votaccio per la rete del secondo vantaggio.

DIAWARA  5

Fatica a trovare i tempi di gioco, subisce troppo il palleggio del Sassuolo poi, con il centrocampo a 4 fa meno fatica. Ma a gioco lungo non brilla. Mai.

PELLEGRINI  5,5

Il capitano, ex stimatissimo in casa Sassuolo, si muove da centrocampista centrale. Non la becca mai prima del cambio tattico di Fonseca, però. Realizza con bravura il calcio di rigore. Un tiro “pesante” dopo il precedente errore dal dischetto. A seguire si vede poco. Troppo poco.

SPINAZZOLA  5,5

Fonseca non rinuncia alla sua spinta sulla corsia di sinistra, sia se la squadra difende a tre sia a quattro. Difende malissimo sulla rete di Traore, si riscatta mandando in gol Bruno Peres. Ma poi difende in maniera troppo leggera nell’azione che porta alla rete di Raspadori.

CARLES PEREZ 5,5

Eccolo, lo spagnolo ex Barça. Titolare in campionato come non accadeva dal 23 gennaio (Roma-Spezia). Prima tira addosso a Marlon (occasione sprecata) da buona posizione, poi Consigli gli nega il gol con un tuffo sulla destra infine rimedia il calcio di rigore del vantaggio romanista. Poi sparisce. 

EL SHAARAWY  5

In Nazionale non era apparso così brillante, ma Fonseca lo preferisce lo stesso a Pedro. Cambia atteggiamento tattico, cioè fa molto il quarto di centrocampo, dopo un avvio in sordina da trequartista. Si pappa un gol, e l’errore alla fine pesa.

BORJA MAYORAL  4,5

Dzeko in panca, come previsto e lui in campo. Latitante per troppi minuti, viene pizzicato da lontano da Cristante: a tu per tu con Consigli, però, non riesce a far di meglio che sprecare l’occasione per lo 0-2. Nel secondo tempo si vede quando lascia il posto a Dzeko e basta. Partitaccia.

VERETOUT  SV

Per l’esausto El Shaarawy. Se non altro, è guarito.

DZEKO  SV

Nel finale per Borja Mayoral.

FONSECA  5

Parte a tre dietro poi mette la Roma a quattro in fase difensiva ma la squadra non riesce a capitalizzare due volte il vantaggio. Squadra moscia. Troppo moscia. L’Europa, non solo la zona Champions, si allontana.

 

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Mimmo Ferretti