Resta in contatto

Rassegna Stampa

Forte, sorridente e con le idee chiare: il baby Calafiori riparte da Amsterdam

Calafiori

Contro l’Ajax serata da ricordare per il gioiellino prodotto del settore giovanile della Roma

Sempre sorridente, sereno e propositivo Riccardo Calafiori. Contro l’Ajax Fonseca lo ha buttato nella mischia al posto di Spinazzola, dopo che negli ultimi 4 mesi aveva giocato appena mezz’ora, poteva avere le gambe di burro e invece, senza strafare, ha fatto suo il consiglio del suo amico De Rossi: ha giocato semplice. E non ha sbagliato praticamente nulla, reagendo, ma neanche troppo, quando un raccattapalle dei lancieri gli ha scagliato contro il pallone per una rimessa laterale.

Andare a giocare in prestito (ha rinnovato da poco fino al 2025) o restare a Trigoria e continuare il suo percorso di crescita? Se De Rossi (Daniele) dovesse allenare lo crescerebbe volentieri, così come volentieri lo prenderebbero Cagliari, Fiorentina, Verona e Sassuolo, che in passato hanno chiesto informazioni. Le stesse informazioni che hanno chiesto Arsenal, PSG e negli ultimi mesi il Monaco e un paio di club spagnoli, a cui la Roma ha sempre detto no. Anche perché dal 2018, da quando fu costretto ad operarsi in America, la società lo ha sempre aspettato e sostenuto. Si legge su “gazzetta.it”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa