Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pubblico all’Europeo, abbiamo 10 giorni

Roma

L’UEFA: per il 19 aprile serve il via libera per un quarto della capienza dell’Olimpico

Dieci giorni per riempire la X necessaria per difendere la frazione italiana dell’Europeo. Cioè per indicare il numero di spettatori che potranno arrivare allo stadio Olimpico di Roma in vista delle tre sfide del girone eliminatorio con Turchia, Svizzera e Galles (11, 16 e 20 giugno) e il quarto di finale (3 luglio).

Ieri la UEFA ha comunicato le otto città che hanno già indicato la capienza «distanziata» per i loro stadi: San Pietroburgo, Baku, Amsterdam, Copenaghen, Bucarest, Glasgow, Budapest e naturalmente Londra, sede di semifinali e finale. Dall’altra le quattro che ancora non sono riuscite nell’impresa.

Roma e Monaco di Baviera sembrano comunque più avanti di Bilbao e Dublino. Il traguardo è fissato a quota 16-17 mila spettatori, un quarto della capienza dello stadio Olimpico. Ma l’altra cifra chiave è quella dei 60 giorni che mancano, il tempo per immaginare un’Italia in piena ripartenza come indicato dallo stesso premier Draghi. Anche il CONI «tifa» per l’Europeo, ma Giovanni Malagò sottolinea un altro dato: «Non è un discorso Europeo sì e tutto il resto no. Ci sono tantissime manifestazioni da qui all’estate». Si legge su “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa