Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Bruno Fernandes: “Roma sfortunata. Diawara non ce la faceva più”

Il centrocampista dello United dopo la vittoria: “Siamo stati bravi nel secondo tempo”

Bruno Fernandes ha parlato a Sky Sport dopo la roboante vittoria per 6-2 del Manchester United sulla Roma. Di seguito le dichiarazioni del centrocampista dei Red Devils.

Dai una definizione della serata…
“Credo che nel primo tempo siamo entrati forti e abbiamo creato occasioni e gol. In due contropiedi abbiamo subito due gol. Siamo stati bravi a stare in partita ed essere calmi. Bravi nel secondo tempo a tenere la palla e fare gol”.

Cosa hai trovato in questa squadra e in questo ambiente?
“In Italia sono stato bene, sono cresciuto. Ho avuto l’esplosione allo Sporting, mi ha aiutato a crescere a livello di mentalità e a lottare per grandi obiettivi. A Manchester ho trovato la fiducia e un ambiente che mi ha voluto bene dal primo giorno. Per un giocatore la fiducia fa la differenza, la fiducia della gente ti fa esprimere al meglio”.

Che sensazione avevate in campo all’inizio del secondo tempo? Sembravate tranquilli di poter ribaltare la situazione.
“E’ un piacere parlare con te (ad Ambrosini, ndr), ho avuto poche possibilità di affrontarti. Non ci siamo fatti prendere dall’ansia, siamo rimasti in partita con la testa. Non ci aspettavamo la Roma così aggressiva e alta, ma siamo stati bravi a cercare i giocatori tra le linee. La Roma è stata sfortunata perché ha dovuto stoppare il gioco per 3 volte, Diawara ha fatto uno sforzo enorme, stava male e non avevano cambi. C’è stata stanchezza della Roma, siamo stati bravi a far gol”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News