Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stadio della Roma, la Raggi spinge: il 25 il voto in aula

Virginia Raggi

Si procede spediti alla chiusura del progetto di Tor di Valle

La sindaca Virginia Raggi è stata di parola: si procede spediti per chiudere l’opaca pagina dello stadio di Tor di Valle e riaprirne una nuova. Lunedì è in programma la riunione dei capigruppo per convocare l’assemblea e procedere al voto in aula per l’abrogazione dal pubblico interesse.

Il passaggio nelle altre commissioni, dopo quella Urbanistica, è facoltativo: potrebbe non essere necessario. Lunedì, al massimo martedì, si potrebbe calendarizzare il voto in aula, per il 25 o al massimo il 2 luglio. La Raggi con determinazione vuole andare avanti, ha stupito anche i suoi collaboratori.

La sindaca si gioca una partita importante in vista delle prossime elezioni, come gli altri candidati sindaco, da Gualtieri a Calenda fino a Michetti, che si sono detti disponibili a portare avanti un nuovo progetto per lo stadio della Roma. Il Campidoglio non può più sostenere il progetto di Tor di Valle perché Eurnova non può proseguire il percorso da sola, una volta che la Roma si è chiamata fuori. Inoltre i proponenti non sono ancora riusciti a dimostrare di avere la disponibilità dei terreni e non hanno presentato le fidejussioni richieste nonostante la proroga concessa dal Comune.

Ieri la sindaca Raggi ha spiegato: “Noi dobbiamo sciogliere il vincolo che ci lega al vecchio progetto. Abbiamo preso atto che non c’è più possibilità di continuare quel progetto perché non c’è più l’accordo tra i proponenti. Stiamo facendo tutti gli atti per scioglierci da quel vincolo e guardare al futuro. È giusto che la città e i club abbiano il loro stadio di proprietà: se è compatibile con le leggi vanno fatti perché è interesse della città e del pubblico. Vorrei darvi a breve delle buone notizie”, ha detto ai microfoni di Rete Sport e ai tifosi presenti alle celebrazioni per il ventennale dell’ultimo scudetto. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa