Resta in contatto

Rassegna Stampa

La legge di Mourinho per ricostruire la Roma: “Spingo tutti al limite”

Lo Special One vuole ottenere il massimo da tutti, bisogna farsi trovare pronti

Io spingo i giocatori al limite e a volte loro non sono pronti a seguirmi in quel tipo di mentalità“. Rispondendo a una critica di Luke Shaw (“A volte non mi sentivo parte della squadra con lui, non è stata la migliore delle relazioni”) José Mourinho ha in realtà fatto il ritratto del calciatore che cerca per rifondare la Roma. Può non essere un campionissimo, ma deve avere il fuoco dentro. E se è un campionissimo, tanto meglio.

Si spiega così il contatto che lo Special One ha personalmente portato avanti con Sergio Ramos. Pochi giorni fa il tecnico portoghese aveva detto: “Solo un top club sarà in grado di soddisfare le sue richieste economiche“. Vero. Mou, però, ha voluto anche lanciare un segnale: la Roma deve puntare in alto e non accontentarsi.

Il primo problema da risolvere, però, è quello degli esuberi. Non si può mirare in alto se il bilancio è zavorrato da ingaggi che non corrispondono al rendimento in campo. Così il sogno Sergio Ramos o anche un centrale difensivo più prosaico possono arrivare solo se Smalling dovesse accettare la corte dell’Everton. E Rui Patricio, che resta comunque la prima scelta in porta, ha più senso se Tiago Pinto riuscirà a piazzare Pau Lopez: lo spagnolo interessa a Granada e Lille, con l’Atletico Madrid in seconda fila, alla ricerca di un vice-Oblak.

Per Xhaka restano da limare alcuni dettagli con l’Arsenal, così come c’è ancora un po’ di lavoro da fare per il rinnovo di Pellegrini, togliendo la clausola rescissoria da 30 milioni. Il centrocampo giallorosso, però, al 99% conterà su di loro. L’entourage di Dzeko ha smentito l’accordo in via di definizione col Fenerbahce. Edin vuole restare in Italia: la Roma è la prima scelta. In alternativa chiede la lista gratuita per rinunciare al contratto da 7,5 milioni di euro netti che lo lega ai giallorossi ancora per una stagione. A parametro zero ci sono Juve e Milan interessate, ma Tiago Pinto non è intenzionato a liberare il centravanti senza una contropartita. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa