Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mou, attacco sospeso. E ora il Fenerbache ci prova per Dzeko

Il futuro del bosniaco rimane un’incognita, a un anno dalla scadenza del contratto

A un paio di settimane dall’inizio del raduno, la Roma ha ancora da sistemare molte questioni. Una su tutte, quella legata a Edin Dzeko. E non è una situazione da poco, visto che il centravanti è uno dei giocatori più importanti della rosa, guadagna una cifra sproporzionata rispetto ai tempi vissuti dal mondo del calcio (7,5 milioni), ha ancora un anno di contratto e 35 anni sulla carta d’identità.

Nelle ultime ore i rumors di mercato hanno raccontato di un forte interessamento del Fenerbache per il cartellino di Edin, con la Roma che, nel caso di una cessione, è consapevole di non poter guadagnare più di tanto (si ipotizza anche una risoluzione contrattuale), ma avrebbe il vantaggio di alleggerire – e non di poco – il bilancio alla voce stipendi.

Un alleggerimento, però, che non farebbe rima con crescita tecnica, a meno che Tiago Pinto non riesca poi ad assicurarsi una prima punta dello stesso livello (o quasi), un attaccante che, come spiegato da Mourinho durante una telecronaca degli Europei, sappia giocare a pallone, per la squadra, quindi in possesso di buona tecnica.Non è da escludere un incontro nei prossimi giorni tra il manager di Dzeko, Lucci, e Pinto, anche se le parti molto più probabilmente avranno modo di parlarsi a Trigoria, durante la prima parte della preparazione estiva, effettuata nel centro sportivo giallorosso. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa