Resta in contatto

Rassegna Stampa

Cresce il passivo: Friedkin finanzia

Altro denaro versato nelle casse giallorosse dal presidente

L’aggiornamento mensile sui conti della Roma – richiesto dalla Consob – mostra una situazione in cui cresce l’indebitamento e aumenta, al tempo stesso, la voglia dei Friedkin di continuare a investire nel progetto. L’indebitamento netto al 31 maggio 2021 risulta infatti pari a 303, 6 milioni. Era di 253,4 milioni al 31 dicembre 2020 e di 300,2 milioni al 30 giugno 2020. Circa un anno dopo, la situazione è peggiorata. L’incremento dipende da tre fattori: i finanziamenti soci erogati da Romulus and Remus Investements LLC (la società creata dai Friedkin), l’incremento del finanziamento verso Mediaco e Soccer SAS e l’aumento dei debiti verso le banche per finanziamenti di lungo periodo.

Sono tempi difficili per le società, alle prese con una pandemia che ha chiuso i rubinetti. Si pensi, in particolare, alle entrate derivanti dai biglietti della domenica (azzerate) e alla diminuzione del merchandising e delle sponsorizzazioni. Problemi non risolvibili a stretto giro. Anche perché, in vista del nuovo campionato, l’apertura ridotta degli impianti (possibile ripartenza dal 25% come l’Olimpico all’Europeo, ma le società si batteranno per aumentare da subito la capienza) blocca le campagne abbonamenti e costringere a vivere “alla giornata”. In questo scenario non cambia la strategia di crescita della proprietà americana. Tanto che Dan Friedkin ha effettuato un ulteriore versamento (dopo quelli di aprile e maggio) nelle casse del club pari a 10,2 milioni. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa