Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma abbraccia Mou, prima giornata tutta “Special”

Oggi è il giorno di Mourinho nella capitale

Arrivederci Setubal”. José Mourinho ha salutato il Portogallo con una foto su Instagram che lo ritrae di spalle, mentre guarda l’Oceano Atlantico. Lo “Special One” è pronto per tuffarsi nella sua nuova avventura romanista, anche se il programma inizialmente stabilito – presentazione lunedì 5 e inizio del raduno il 6 – potrebbe subire un piccolo slittamento in avanti di qualche giorno a causa della necessità di sottoporsi alla quarantena. Mourinho, che arriverà all’aeroporto di Ciampino con un volo privato da Lisbona, negli ultimi 15 giorni per motivi personali e fiscali è dovuto andare un paio di volte a Londra: per questo, come da ordinanza emesso dal ministro della Salute Speranza, dovrà fare i cinque giorni di quarantena fiduciaria, che scadranno a mezzanotte del 6.

Il tecnico ha scelto di trascorrerli a Trigoria, per cominciare a prendere confidenza con il suo ambiente di lavoro: la Roma, che in un primo momento aveva fatto richiesta di una deroga per motivi lavorativi, non avendo ricevuto risposta positiva, ha chiesto alla ASL il permesso casa-lavoro per consentirgli almeno di poter uscire in campo.

La conferenza stampa di presentazione, inizialmente prevista per il 5 alla Terrazza Caffarelli slitterà verso la fine della prossima settimana. L’arrivo di Mourinho è previsto alle 14 all’aeroporto di Ciampino dove non ci sarà modo per i tifosi di vederlo, poiché la Roma ha blindato il suo trasferimento: il bagno di folla, però, potrebbe esserci direttamente a Trigoria, dove l’allenatore portoghese arriverà senza fare tappe intermedie. Mourinho sarà prelevato sotto bordo da un’auto della società, lascerà l’aeroporto da un’uscita “protetta” e andrà dritto al centro sportivo per l’isolamento. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa