Resta in contatto

Rassegna Stampa

Sbarco a Trigoria: inizia l’era di Mou

José Mourinho arriva a Roma, tifosi in delirio

Il Mou-day. È il giorno dello Special One, alle 14 atterra a Ciampino col jet privato N1F dei Friedkin e subito dopo si sposterà a Trigoria per iniziare ufficialmente la sua avventura alla Roma. Bagno di folla permettendo, sì perché lo sbarco di Mourinho è un evento atteso da quasi due mesi e i tifosi si divideranno tra l’aeroporto e il centro sportivo per dare il benvenuto all’allenatore che fa sognare la svolta.

A seconda del numero di romanisti presenti a Ciampino, si deciderà se il portoghese potrà salutarli direttamente lì oppure, per motivi di sicurezza e distanziamento, dovrà essere prelevato sotto bordo e magari rinviare il primo contatto con il suo nuovo popolo a Trigoria.

Mourinho ha salutato ieri Setubal con un post su Instagram, ha scherzato sul pronostico di Italia-Belgio (“devo dire che vincono gli azzurri sennò domani quando atterro mi uccidono”) e stamattina si imbarcherà a Lisbona. L’orario e la destinazione del suo aereo sono stati modificati più volte tra Ciampino e Fiumicino, nella lista passeggeri il nome dello Special One è stato inserito insieme a quelli di Dan e Ryan Friedkin che lo hanno raggiunto in Portogallo e dovrebbero accompagnarlo in volo verso la Capitale. I texani puntano fortissimo su di lui e stanno girando del materiale video con la casa di produzione cinematografica, ora diretta dal fratello di Ryan, che diventerà probabilmente un documentario sullo sbarco di Mourinho a Roma. Lo scrive Il Tempo.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa